Quali sintomi presenta

I bambini generalmente non parlano in modo diretto dell'esperienza traumatica vissuta, ma si esprimono attraverso segnali ai quali è necessario prestare attenzione. Molti di questi segnali non sono indicatori specifici di abuso ma devono essere presi in considerazione perché comunque indicativi di un eventuale disagio del bambino. Non c'è dunque una sintomatologia specifica ne' patognomonica.

Sono presenti, tuttavia, degli indicatori comportamentali:

  • Pianto improvviso, irritabilità e scoppi di collera, bruschi sbalzi d'umore, aggressività, angoscia, iperattività, ipervigilanza, comportamento inibito
  • Disturbi del sonno (per esempio incubi)
  • Disturbi dell'alimentazione
  • Paure eccessive e/o inappropriate, evitamento o paura inspiegata di persone o luoghi,  fobie
  • Cambiamenti o cali bruschi nel rendimento scolastico, fobia scolare
  • Ritiro sociale o dalle attività
  • Rifiuto di sottoporsi a visite mediche, rifiuto di spogliarsi in occasione di attività sportive
  • Comportamenti regressivi (esempio perdita del controllo degli sfinteri)
  • Comportamenti autolesivi
  • Conoscenze anomale per l'età di aspetti della sessualità adulta in bambini
  • Tendenza all'erotizzazione dei rapporti come mezzo di socializzazione e per dare e ricevere affetto
  • Ricerca compulsiva di giochi sessualizzati
  • Iniziazione sessuale di bambini più piccoli
  • Disegni a contenuto sessuale
  • Masturbazione compulsiva
  • Inserimento in vagina o nell'ano di corpi estranei

Sono rilevabili anche alcuni indicatori fisici:

  • Arrossamenti, lividi, escoriazioni in area genitale e/o anale, agli arti
  • Sanguinamenti vaginali e/o anali, perdite vaginali
  • Lividi da contenzione sulle cosce e sulle braccia
  • Ritardi nello sviluppo fisico
  • Ecchimosi inspiegabili
  • Ustioni inspiegabili o ustioni estese a più del 10% della superficie corporea, ustione da sigaretta
  • Evidenza di lesioni traumatiche avvenute in tempi diversi (lesioni policrone), non riconducibili alle consuete attività ludico-sportive, in particolare se sotto ai 3 anni
  • Fratture in bambini sotto l'anno di vita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile