Qual è il trattamento?

Le persone con disabilità intellettiva, generalmente, hanno un'età mentale inferiore a 13 anni, e perlopiù non acquisiscono il pensiero logico/astratto come normalmente avviene in adolescenza. Pertanto il trattamento deve essere rivolto al raggiungimento di un livello di autosufficienza in età adulta e non a tutti i costi deve essere focalizzato sull'evoluzione delle competenze scolastiche come spesso accade (Katz e Lazcano, 2008).

Trattamenti più frequentemente indicati in caso di disabilità intellettiva:

Trattamento logopedico e psicomotorio: soprattutto nei primi anni di vita.

Trattamento occupazionale: soprattutto dopo gli 8-10 anni di vita.

Comunicazione aumentativa alternativa o linguaggio dei segni se presente deficit linguistico con maggior compromissione in produzione.

Psicoterapia cognitivo-comportamentale e terapia farmacologica (neurolettici atipici, SSRI, ecc.) se presente in associazione  a disturbo psicopatologico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile