Qual è il trattamento?

Il trattamento di questi disturbi deve essere programmato a lungo termine e prevede interventi in combinazioni variabili:

- Psicoterapia familiare
- Psicoterapia individuale e di gruppo
- Monitoraggio dietologico/nutrizionale
- Terapia farmacologica

Tale intervento non deve essere centrato solo sul comportamento alimentare ma anche sul disagio emotivo sottostante, sul disturbo ossessivo del pensiero, sulla depressione e sulla sofferenza familiare.

Il trattamento integrato richiede l'intervento di più figure professionali (psichiatri, psicologi, nutrizionisti, specialisti in medicina interna etc.). 

Sono infatti necessari anche interventi medici volti a:
- correzione dell'equilibrio idroelettrolitico
- monitoraggio delle condizioni dei vari organi compromessi
- valutazione della necessità di una nutrizione parenterale o enterale



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile