Miti e fatti

Mito:Le diete alimentari prive di glutine e caseina sono efficaci nel trattamento dell'autismo
Ad oggi, non esistono prove scientifiche che dimostrino che le diete che escludono la caseina e/o il glutine siano efficaci nel trattamento della sintomatologia autistica. Attualmente non è quindi ipotizzabile sostenere che i problemi del tratto digerente, come celiachia, intolleranze o reflusso gastroesofageo, siano all'origine dei problemi comportamentali legati all'autismo, come la selettività alimentare, o dell'autismo stesso, e che impostando una dieta di esclusione di caseina e/o glutine si possano risolvere alcuni comportamenti problema tipici di tale disturbo,come l'aggressività o l'irritabilità. Ciò non esclude il fatto che bambini con disturbo dello spettro autistico possano presentare sintomi di problemi gastrointestinali importanti, oppure intolleranze, come qualsiasi altro bambino, e che in questi casi è bene consultarsi con il pediatra per decidere il da farsi per migliorare il suo benessere psico-fisico.

Mito:Le mamme "Frigorifero" sono la causa dell'autismo
In passato si affermava che l'autismo avesse una causa psicologica legata al fatto che le mamme di questi bambini si mostrassero "fredde" e, più o meno intenzionalmente, non fossero abbastanza affettuose con loro. Ad oggi, questo mito è stato del tutto sfatato dalla ricerca  scientifica, secondo cui l'autismo è un disturbo del neuro-sviluppo, determinato principalmente da un'alterata maturazione del cervello, in cui la componente genetica svolge un ruolo fondamentale.

Mito:I vaccini causano l'autismo
Non vi sono ad oggi evidenze scientifiche a favore di una relazione causale tra i vaccini e la sintomatologia autistica. Un recente editoriale della rivista Nature ("Fresh dispute about MMR fraud",9 novembre 2011) ha ripercorso la storia della disputa sulla frode del vaccino Parotite-Morbillo-Rosolia (PMR). Wakefield e' il principale autore dell'articolo pubblicato nel 1998 sulla rivista The Lancet (A.J. Wakefield et al. Lancet 351, 637-641; 1998) in cui sono state riportate le storie di 12 bambini che avevano ricevuto il vaccino PMR e sviluppato sintomi autistici o disturbi intestinali di tipo infiammatorio. Sebbene l'articolo sia stato ritirato nel 2010 dopo che il General Medical Counsil(GMC) del Regno Unito ha concluso che Wakefield aveva utilizzato condotte professionalmente non corrette di cui doveva rispondere, in parte legate al fatto che il suo gruppo di ricerca non aveva ottenuto l'approvazione etica per la somministrazione dei test ai bambini, questo ha scatenato la paura nei confronti dei vaccini. Nonostante la disputa su tale articolo sia ancora aperta, attualmente l'esistenza di un ruolo causale dei vaccini nella genesi della sintomatologia autistica risulta scientificamente confutata.  

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile