Quali sintomi presentano

Il bambino dislessico per leggere si affatica, impiega molto tempo, commette svariati errori, salta parole e intere righe. Spesso sostituisce lettere come p/b,b/d,g/q,a/e,a/o. Spesso ha difficoltà a memorizzare le sequenze come l'ordine alfabetico, i giorni della settimana, i mesi dell'anno. Presenta difficoltà nell'esprimere il suo pensiero perché ha un vocabolario povero e fatica a memorizzare i nuovi termini. Ha difficoltà a riconoscere gli aspetti morfologici della lingua italiana e ha difficoltà nella lettura e nella scrittura delle lingue straniere. Non prende bene gli appunti perché non riesce ad ascoltare e scrivere contemporaneamente.

Il bambino disortografico spesso sostituisce suoni simili (t/d,d/b) e compie molti errori (doppie,uso dell'accento e dell'h).

Il bambino disgrafico ha una scrittura irregolare per dimensione e pressione, ha difficoltà a organizzare lo spazio sul foglio, non rispetta i margini, crea spazi irregolari tra le parole.

Il bambino discalculico può avere difficoltà nell'associare il numero alla quantità, nell'utilizzo dei simboli, fatica a memorizzare le tabelline e a svolgere i calcoli a mente. Può non riuscire a memorizzare le formule e le definizioni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile