I videogame d’azione possono migliorare la capacità di lettura

videogiochi

Una recente ricerca italiana mostra che il tempo trascorso a giocare con i videogiochi può aiutare i bambini dislessici a migliorare le capacità di lettura. Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Padova e dell'IRCCS "E. Medea" di Lecco ed è stato pubblicato sulla rivista Current Biology. Lo studio è partito da un precedente lavoro pubblicato nel 2012 in cui lo stesso gruppo di ricercatori era giunto alla conclusione che le difficoltà nell'acquisizione delle abilità di lettura possano essere correlate con le capacità di attenzione visuo-spaziale dei bambini in età prescolare.

L'attenzione visuo-spaziale è la capacità del sistema visivo di filtrare un'informazione rilevante rispetto a una irrilevante nel momento in cui si sta facendo un'attività. Tale capacità è fondamentale nel momento in cui si impara a leggere, in quanto si verifica un vero e proprio "mappaggio" cioè la trasformazione di stimoli visivi (grafemi) in suoni corrispondenti (fonemi). Questo meccanismo è possibile se il lettore, grazie all'attenzione visuo-spaziale, riesce a isolare una singola lettera e ad astrarla dal contesto.

L'équipe, partendo dalle evidenze della letteratura che hanno dimostrato che gli action videogames, cambiano le capacità attenzionali, ha  selezionato 20 bambini dislessici, ognuno dei quali ha effettuato 80 minuti di gioco al giorno, per un totale di 12 ore, nel corso di nove giorni. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi, ciascuno composto da dieci soggetti, completamente bilanciati per difficoltà di lettura, quoziente intellettivo e capacità fonologiche. A un gruppo è stato  proposto l'utilizzo di action videgames, mentre all'altro nonaction videogames. Al termine del trattamento si è potuto osservare che i bambini che avevano utilizzato videogiochi d'azione, caratterizzati da stimoli molto veloci e che provengono dalla periferia del campo visivo, erano in grado di leggere più velocemente.

Non vi è ancora nessun trattamento scientificamente testato per la dislessia che includa questo tipo di videogiochi tuttavia questi risultati sostengono l'intuizione di fare ricorso all'uso di alcuni videogiochi per attenuare i deficit percettivi e attenzionali nei bambini dislessici, affiancando le tradizionali terapie basate sull'allenamento di ortografia e fonologia.

(Franceschini S, Gori S, Ruffino M, Viola S, Molteni M, Facoetti A (2013) Action video games make dyslexic children read better,Current Biology, 18;23(6):462-466)

Leggi l'articolo 

 


Vedi anche

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile