Università e disturbi specifici dell'apprendimento

Università e DSA
Spesso i ragazzi con diagnosi di Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA) non sanno cosa aspettarsi nel momento in cui decidono di iscriversi all'università.

In realtà la Legge 170 del 2010 tutela anche gli studenti universitari ai quali vengono riconosciuti i propri diritti sin dai test di ammissione. I ragazzi con DSA possono assolutamente raggiungere il traguardo prefissato grazie anche alla collaborazione degli atenei.
L'art.5, comma 4, della Legge 170 prevede che, a fronte della presentazione e acquisizione da parte dell'Università della diagnosi, siano poi garantite durante l'intero percorso accademico, idonee forme di verifica e valutazione sia per quanto concerne i test di ammissione che per gli esami universitari.
La presentazione della diagnosi dunque, consente di accedere ai test di ammissione con alcune modalità precise, ad esempio dando la possibilità ai ragazzi di usufruire di tempi aggiuntivi fino ad un massimo del 30% in più rispetto a quello previsto e in relazione alla tipologia di prova; oltre a poter garantire tutte le misure dispensative e/o compensative previste dalla legge 170.

Inoltre, nello specifico ai ragazzi con diagnosi di DSA che stanno decidendo se intraprendere il percorso universitario si può consigliare di:
- scegliere un corso di studi con materie che corrispondano ai propri punti di forza oltre che ai propri interessi; - servirsi del computer che è uno strumento molto valido di supporto all'apprendimento;
- usufruire di tutor e/o di insegnanti specializzati che possono fornire suggerimenti e consigli sul metodo di studio;
- trovare un metodo di studio efficace come ad esempio dividere il lavoro in piccole parti con obiettivi a breve termine, sottolineare le parti principali del testo per creare mappe e schemi che poi agevolano il ripasso quotidiano;
- può essere utile contattare l'ufficio di accoglienza per assicurarsi che l'Ateneo abbia a disposizione un referente per la dislessia. Concordare quindi gli strumenti a disposizione e valutare come affrontare, in primis, i test di ammissione e poi i singoli esami;
- confrontarsi con altri studenti universitari con DSA su forum o gruppi come  www.facebook.com/groups/dislessiciuniversitari.

 


Vedi anche

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile