ADHD e obesità

ADHD e obesitàIl disturbo da deficit d'attenzione ed iperattività (ADHD) è uno dei più comuni disturbi neuropsichiatrici dell'età evolutiva. Recenti studi confermano che l'ADHD nell'infanzia appare essere un fattore di rischio per l'obesità in età infantile ed adulta.
Diversi motivi possono spiegare tale affermazione:
- I bambini con ADHD fanno fatica a concentrarsi ed a controllare gli impulsi in funzione degli obiettivi da raggiungere, del tempo a disposizione o delle richieste esterne ed è dunque per loro difficile impegnarsi con costanza nello sport e passano più tempo degli altri bambini a guardare la televisione riducendo così il movimento.
- E' anche possibile l'ipotesi genetica di un'alterazione del gene per il recettore della melanocortina (Mc4r), che risulterebbe nella coesistenza tra ADHD, obesità e aumento dell' introito di cibo.
- Tra i bambini con un regime alimentare ricco di grassi vi è una forte incidenza di ADHD.
- La causa potrebbe inoltre essere ricercata nella disfunzione dei neurotrasmettitori cerebrali situati nei centri del sistema dopaminergico implicato nella patogenesi del disturbo.
E' quindi fondamentale sottolineare l'importanza, per i bambini con ADHD, di praticare un'attività sportiva costante e di seguire un'alimentazione varia ed equilibrata.

Leggi l'articolo



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile