Quali sono le cause?

Si può, in generale, assumere che l'ADHD sia causato da fattori di origine costituzionale che interessano il funzionamento del Sistema Nervoso Centrale (ad es. livello di attivazione, aree cerebrali interessate) che sono differenti da quelli presenti in soggetti senza il disturbo, anche se l'esatta natura di queste differenze deve essere determinata.

Sono state fatte in questo ambito varie ipotesi, tuttora in fase di verifica sperimentale, che imputerebbero le cause del disturbo a un anomalo funzionamento dei lobi frontali del cervello (coinvolti nella gestione dell'attenzione e nella abilità di realizzare piani d'azione); alle dimensioni fuori norma di alcune strutture cerebrali sottocorticali; a un'ipoattivazione frontale, cioè un'inferiore attività della parte anteriore del cervello segnalata dalla rilevazione in queste zone di bassa attività elettrica o scarso consumo di glucosio o scarsa presenza di sostanze chimiche (dette neurotrasmettitori) legate alla trasmissione degli impulsi.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile