Conclusa la XIII edizione di Giornate di Neuropsicologia dell'età Evolutiva

Si è svolta mercoledì 17 Gennaio la prima sessione  della XIII edizione delle Giornate di Neuropsicologia dell'Età Evolutiva.

La sessione è stata dedicata all' ADHD oltre la diagnosi clinica: evidenze sperimentali per la diagnosi e il trattamento. 

 Il Dott. De Rossi ha esposto i dati relativi ai correlati cerebrali nell'Adhd. A seguire la Dott.ssa Menghini ha parlato dell' importanza della valutazione clinica per la diagnosi. La seconda parte della sessione ha riguardato le nuove prospettive per il trattamento.

Nello specifico il Dott. Crescentini ha esposto i dati relativi ai training mindfulness e i loro risvolti neuropsicologici e psicopatologici. 

 brix18_2

Lo stesso training è  stato applicato all'interno Dell' Unità operativa di Neuropsichiatria Infantile dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ed esposto dalla Dott.ssa Santanastasio. 

 

brix18_3

La sessione si è conclusa con l'intervento del Dott. Pani sul Neurofeedback.


Brix18_4

 

 

Il secondo giorno della XIII edizione delle giornate di Neuropsicologia dell'Età Evolutiva ha riguardato la "disabilità intellettiva, sindromi genetiche e profili neuropsicologici e comportamentali". 

La Dott.ssa Riva ha introdotto l'importanza dello studio dei genotipi nelle sindromi genetiche. Successivamente il Dott. Alfieri ha illustrato il fenotipo cognitivo e comportamentale nella sindrome di Noonan  e nelle Rasopatie.

La Dott.ssa Bulgheroni ha esposto la  sindrome di Joubert.

brix6

brix5

Nella seconda sessione sono intervenute rispettivamente, la Dott.ssa Chieffo con l'intervento sulla distrofia di Duchenne, e la Dott.ssa Verri con la sindrome di Klinefelter e le sue varianti.

In serata, si è tenuta la tavola rotonda sulla Telemedicina e riabilitazione: aspetti etici e di efficacia moderata dalla Dott.ssa Costanzo e dal Dott. Gesualdo. Tra gli ospiti la Dott.ssa De Carlo della fondazione Telecom.

brix8
brix9

 

 brix7

 

Il terzo giorno della XIII edizione delle giornate di Neuropsicologia dell'Età Evolutiva ha avuto come tema " La Multisensorialità nelle persone sorde. Evidenze scientifiche e opportunità per lo sviluppo". 

Il tema é stato introdotto dalla Dott.ssa Caselli e successivamente il Dott. Masella ha illustrato il carico cognitivo e la sordità.

brix10

Il Dott. Rinaldi ha affrontato il tema dell'apprendimento di lingue in diverse modalità sensoriali, come la LIS, in bambini con impianto cocleare.

Il terzo intervento è stato condotto dalla Dott.ssa Benedetti che ha illustrato studi riguardanti la plasticità cerebrale delle cortecce uditive a seguito dell'elaborazione crossmodale.

brix11

Infine, il Dott. Pavani ha illustrato i più avanzati studi scientifici riguardanti la percezione e l'attenzione multisensoriale nelle persone sorde con o senza impianto cocleare. 

 

 

Infine, l'ultima sessione delle giornate di Neuropsicologia dell'Età Evolutiva é stato dedicata ai "Disturbi dirompenti del comportamento e del controllo degli impulsi: aspetti cognitivi e psicopatologici".

Il tema è stato introdotto dal Prof. Vicari seguito dalla Dott.ssa Milone la quale ha esposto i disturbi del controllo degli impulsi e della condotta.

brix13

Il secondo intervento è stato condotto dalla Dott.ssa Vignone sui disturbi internalizzanti e disturbo dello spettro autistico.

La Dott.Manfredi, invece ha esposto la comorbilità nell'ADHD e ha sottolineato come sia complessa fare diagnosi con questo disturbo.

brix12

L' ultimo intervento della giornata è stato dedicato alla tematica delle condotte autolesive non suicidarie e suicidalità ed è stato condotto dalla Dott.ssa Serra.

brix14

Anche quest'anno "Giornate di Neuropsicologia dell'Età Evolutiva" si è rivelato un appuntamento fondamentale per il confronto scientifico su temi innovati e di grande interesse clinico per la Neuropscicologia dell'età evolutiva e la Neuropsichiatria.

Il successo di quest'anno pone le basi per augurare un'arrivederci alla prossima edizione, ricca di nuovi spunti di approfondimento  nati dall'edizione appena conclusasi. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile