Prove INVALSI e DSA 2018

Prove INVALSI 2018

Nei prossimi mesi gli studenti della scuola italiana dovranno confrontarsi con le prove previste dall'INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema educativo di Istruzione e di Formazione).

Come ogni anno si svolgeranno solo in alcune classi, secondo un calendario e una programmazione ben definita.

Come si svolge la prova INVALSI per gli alunni con Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA) e cosa spetta ai ragazzi con DSA?

Nella norma MIUR (1865 del 10.10.2017), in merito alla valutazione, alla certificazione delle competenze e all'esame di stato nelle scuole del primo ciclo di istruzione, viene specificato che gli studenti con DSA partecipano alle prove INVALSI così come gli altri studenti.

 Inoltre, per gli studenti con DSA la partecipazione alle prove INVALSI è requisito di ammissione all'esame di Stato.

Per consentire lo svolgimento delle prove il consiglio di classe è tenuto a consentire l'utilizzo degli strumenti compensativi previsti nel piano didattico personalizzato (PDP) dello studente, che sono stati utilizzati nel corso dell'anno scolastico e che sono funzionali allo svolgimento delle prove. E' possibile avere tempi più lunghi per lo svolgimento delle prove scritte. 

Per gli alunni con DSA, che sono stati dispensati dalle prove scritte in lingua straniera, si utilizza la forma orale di valutazione. Per gli alunni con DSA, esonerati dall'insegnamento della lingua straniera non viene prevista la valutazione.

Come misure compensative le raccomandazioni prevedono, dunque, la possibilità di avere tempo aggiuntivo (fino a 15 min. in più per ciascuna prova), la possibilità di consultare il dizionario, il donatore di voce per l'ascolto individuale in audio-cuffia e la calcolatrice. Tra le misure dispensative rientra l'esonero dalla prova nazionale di lingua inglese per gli alunni con DSA dispensati dalla prova scritta di lingua straniera o esonerati dall'insegnamento della lingua straniera.

Le misure compensative sono applicabili solo agli allievi con DSA certificato. Pertanto la scuola dovrà indicare per quali alunni sono previsti gli strumenti compensativi e misure dispensative e richiedere le prove specifiche.

Per i dettagli consultare la nota MIUR 1865 del 10.10.2017: 

http://www.miur.gov.it/-/circolare-prot-n-1865-del-10-10-2017-indicazioni-in-merito-a-valutazione-certificazione-delle-competenze-ed-esame-di-stato-nelle-scuole-del-primo-cicl



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile