ADHD e bisogni educativi speciali

Novità a scuola dal 22 novembre 2013

 adhd bes

Spesso il bambino con ADHD ha un forte calo prestazionale in ambito scolastico, legato alla sintomatologia specifica della patologia, ma anche alla frequente comorbidità con un disturbo dell'apprendimento. In quest'ultimo caso il bambino è tutelato dalle normative vigenti in materia di DSA (Disturbo Specifico dell'Apprendimento), ma in caso contrario ci si rifà alla circolare MIUR perl'ADHD.
Per la corretta e condivisa applicazione delle indicazioni presenti nella circolare si chiedeva alla scuola di redarre, entro i primi mesi, un Piano Didattico Personalizzato (PdP)in cui venissero esplicitate le misure che sarebbero state applicate all'alunno in questione.

Dal 22 novembre 2013 la nuova circolare sui BES (Bisogni Educativi Speciali) rimanda a discrezione della scuola la necessità di redazione del PdP nei casi in cui non ci sia una diagnosi ricadente nella tutela della legge 104/92 o 170/2010.

Cosa accade dunque ai bambini con ADHD? Una faccia della medaglia vedrebbe il loro percorso scolastico in balia della "autonomia didattica delle istituzioni scolastiche", il rovescio della stessa vede la possibilità di tutela attraverso la redazione del PdP anche per quei bambini che presentano importanti difficoltà scolastiche ma che non hanno una diagnosi ben specificata (qualora la scuola lo ritenesse opportuno).  

Per approfondimento: aidaiassociazione.com

carmen.napolitano@opbg.net ; marta.calcagni@opbg.net


Vedi anche

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile