Disturbi del neurosviluppo: il ruolo della plasticità cerebrale

DI e plasticitàIn una recente review pubblicata su Frontiers in Neuroanatomy dal dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Ginevra, vengono analizzati i meccanismi alla base della plasticità strutturale. Tale  plasticità consiste nella capacità di modificare la morfologia dei neuroni o delle reti alla base dei circuiti del sistema nervoso.

Studi recenti hanno infatti mostrato che la plasticità funzionale è associata all'interconnessione di reti sinaptiche e a una stabilizzazione selettiva delle sinapsi attivate. Questi aspetti strutturali di plasticità hanno il potenziale di modificare continuamente l'organizzazione delle reti neurali rendendo i circuiti corticali funzionalmente specializzati.

In questa review viene sottolineato come alcune alterazioni dei meccanismi molecolari alla base della plasticità strutturale, possano rappresentare un comune denominatore per i disturbi del neurosviluppo quali disabilità intellettiva, disturbo dello spettro autistico e schizofrenia.

Per un approfondimento scarica l'articolo



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile