Le nuove frontiere della psicoterapia: il trattamento online dei disturbi d’ansia

AnsiaNegli ultimi anni vi è un crescente interesse in letteratura per le terapie che si effettuano online, avvalendosi dell'uso del computer e delle tecnologie digitali, per adolescenti e adulti con difficoltà comportamentali ed emotive.

Questi programmi terapeutici, che si configurano principalmente sotto forma di software, si basano sul principio dell'auto-aiuto, seppur prevedano il coinvolgimento del terapeuta a differenti livelli di intervento, e utilizzano tecniche cognitivo-comportamentali.

Il principale punto di forza di questi programmi è la loro fruibilità da chiunque possieda un computer e la possibilità di utilizzare la tecnologia per superare le barriere e la distanza tra terapeuta e paziente, ad esempio servendosi di videoconferenze e chat. Inoltre, le terapie online consentono l'accesso al trattamento anche a quelle persone che vivono geograficamente più isolate, in luoghi dove i servizi di salute mentale sono difficilmente raggiungibili o ancora a quelle popolazioni meno abbienti, che non possono frequentare una più classica psicoterapia con costanza e regolarità per motivi economici. 

Recentemente è stata dimostrata l'efficacia delle terapie computerizzate e online nel trattamento dei disturbi d'ansia e della depressione in età adulta; le nuove frontiere della psicoterapia in età evolutiva si stanno evolvendo verso il perfezionamento di specifici programmi computerizzati e di software ideati appositamente per bambini e adolescenti. In questi programmi, soprattutto per i bambini più piccoli, oltre alla figura del terapeuta, è previsto anche il coinvolgimento attivo delle figure genitoriali.

Ad oggi, un numero limitato di studi ha dimostrato l'efficacia di tale approccio in età evolutiva, ma i risultati preliminari sono incoraggianti in termini di miglioramenti sintomatologici, principalmente per i disturbi d'ansia. L'estrema diffusione di internet nella vita di tutti i giorni, ad esempio l'ampio utilizzo dei social network o di tablet e smartphone, suggerisce che questa nuova frontiera terapeutica è degna di essere ulteriormente indagata dalla comunità scientifica ai fini di dimostrarne l'efficacia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile