Alcol e suicidio

Alcol e suicidioNella letteratura, troviamo molti studi sui fattori che aumentano la suicidalità , ossia pensieri e agiti suicidari, tra gli adolescenti. Tra tutti il principale è senza dubbio l'umore depresso. Ad aumentare tale rischio tuttavia contribuisce anche l'uso di sostanze, sia lecite che non. L'alcol, in particolare, è spesso utilizzato, da chi soffre di depressione, come automedicazione, tuttavia, esso, .avendo un'azione disinibente, può indurre un passaggio all'atto, in questo caso autolesionistico, oltre a slatentizzare o peggiorare una condizione di angoscia, depressione, ansia, aggressività, o impulsività , aumentando così il rischio di mettere in atto un suicidio

Ma che cos'è che differenzia i giovani che commettono un suicido da quelli che ci pensano "solamente"?

Alcuni ricercatori statunitensi hanno reclutato un campione di 108 adolescenti tra i 12 ed i 15 anni, tra i quali 35 senza ideazione suicidaria (NIS), 59 con ricorrente ideazione suicidaria (RIS) e 14 con un recente tentativo di suicidio (TS). Le valutazioni effettuate su tale campione confermano come il primo fattore di rischio per l'ideazione suicidaria sia la depressione, pertanto l'unica differenza tra i NIS e RIS è rappresentato dai sintomi depressivi. Tuttavia, una volta comparsa l'ideazione suicidaria, il consumo alcolico risulta determinante nell'indurre un tentativo di suicidio, infatti, confrontando RIS e TS, l'unica differenza significativa è rappresentata dall'uso di alcol.
Gli stessi autori hanno poi dimostrato come il consumo di alcol sia particolarmente compromettente, in termini di suicidalità, nei ragazzi che, paradossalmente, hanno sintomi depressivi più lievi. Ciò può essere dovuto al fatto che, nella depressione severa, il rischio suicidario è già così elevato che il consumo di alcol non ha un effetto significativo, e, in aggiunta, può prevalere un aspetto di anergia che, in qualche modo,frena l'impulsività adolescenziale, che è invece mantenuta, se  non accentuata, nei giovani con quadri depressivi meno gravi, ponendoli a maggior rischio di commettere un suicidio.

Fonte: McManama O'Brien KH1, Becker SJ, Spirito A, Simon V, Prinstein MJ. Differentiating adolescent suicide attempters from ideators: examining the interaction between depression severity and alcohol use. Suicide Life Threat Behav. 2014 Feb;44(1):23-33.

Leggi l'articolo

 


Vedi anche

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - U.O. Neuropsichiatria Infantile